Le foto (carine) di cibo (carino)

Era il capodanno 2008 e io prendevo in giro i turisti giapponesi dell’altro tavolo perché fotografavano tutte le portate. Mi sembrava un’attività da imbecilli. E però ero ingenua, perché non mi aspettavo che poi, tutte quelle foto di cibo, la gente avrebbe cominciato a condividerle.

Peggio delle foto di cibo c’è solo chi le parrucca coi filtri di instagram, le hashtagga e poi le posta. Non ce l’ho col cibo, vorrei che fosse chiaro: io il cibo lo amo, lo venero, lo rispetto. E per questo, lo celebro nell’unico modo che secondo me ha un senso, se non si sta facendo uno shooting: mangiandolo.

Se quando ti arriva il cibo nel piatto hai tempo per fotografarlo dall’angolazione migliore, condirlo con filtri e #yummy #omnomnom #gnam #fame forse non vuoi davvero mangiarlo. Questo spiegherebbe perché pesi 50 chili pur postando costantemente foto di torte carine, cupcake carine, pastasciutte carine, zuppe carine, fritture carine. Perché è chiaro che poi quella roba tu la butti, o la vomiti. Ma questo è anche quello che mi fa innervosire: il cibo non è un ornamento, un oggetto di design, una applique della tua personalità (come il tuo animale domestico, o tuo figlio, o la tua metà). Il cibo è una cosa sacra, bella, assoluta. Puoi fare foto belle di cibo, se sei capace, ma non carine. Le foto carine di cibo carino hanno rotto il cazzo. Hanno rotto il cazzo i colori pastello, le formine simpatiche, i desaturati, le composizioni, le immagini che hanno il solo scopo di presentare quanto è carino il prodotto.

Non voglio dire che uno non abbia il diritto di fotografarsi il suo hamburger, io lo faccio alle volte: vi farei salutare il Completissimo, ma la foto è per uso privato e non gli rende giustizia (anche perché ci ho pensato io, a rendergli giustizia).

Ciò che contesto è la categoria del carino applicata al cibo, in particolare al food porn. Mi va bene che il food porn professionale sia plastico, perfetto, pop, poco credibile, anche se irresistibilmente attraente. Ma non posso tollerare che l’amateur cada in mano a questi cretini infiocchettati. Voglio vedere la frittura di pesce, la parmigiana, le patate arrosto. Voglio vedere i sughi, le ganache, i mont blanc. Voglio vedere il cibo vero, e lo voglio vedere tutto. Non mi interessa il rischio terrible food photography, sono disposta a correrlo. Voglio la favola. Voglio sugnare.

Share Button

So long, and thanks for all the shoes

Non volevo buttarle, ma non avrebbe avuto senso farle marcire dentro le scatole, era molto meglio dar loro la giustizia che meritano lasciandole andare e celebrandole qui.

Addio, mie piccole. Insegnate agli angeli a portare gli ankle boots con orgoglio pur essendo persone prive di caviglia, a non comprare mai più scarpe da H&M, a calzare il 35, ma soprattutto a sciabattare con stile, dalla Monument Valley a Topkapi.

Non vi dimenticherò mai.

2014-05-03 19.27.00

Share Button

Le signore bene a una certa età si rifanno il blog

Insomma, non pensavate mica potessi restare in affitto su wordpress, quando sarebbe stato molto più appropriato acquistare finalmente un bell’appartamento di proprietà, con una cabina armadio, una dispensa e una mudroom in cui lavare il cane di ritorno dalle passeggiate (per approfondire il tema si consiglia la lettura di “Pinterest come nuova frontiera della lobotomia”, AAVV, Franco Angeli 2014).

Vediamo se questa volta, spinta dalla bellezza di una casa mia, riesco a non ridurmi come sempre allo stadio “sepolti in casa”.

È dunque con gioia che vi do il benvenuto nella mia nuova dimora e stappo la prima bottiglia di bollicine per il cocktail d’inaugurazione. Accomodatevi pure, ma se mi rigate il parquet vi odierò per sempre.

Share Button