countdown natalizio, postazione #5

del Natale prendo solo il meglio, aspettando di avere pargoli per fare la foto di famiglia accanto all’albero, come gli Obama. quindi dico sì ai maglioncini rossi e bianchi, alle cose sbrilluccicanti, alle canzoncine ossessive e mielose, al pandoro, alle teglie di qualunque cosa, all’idea di non riuscire a digerire mai più, alle litigate, alla noia. il Natale è questo, è come un parente antipatico, non lo sopporti, sei costretto a frequentarlo, e finisci ad affezionarti tuo malgrado, insomma alla fine gli vuoi anche un po’ bene, e non vederlo ti mancherebbe. (come quell’anno orribile in cui ‘per colpa di un’indigestione – ah! ah! ah! – non ho potuto mangiare il 24 sera e il 25 a pranzo. un Natale senza senso. non mi si chieda come ho fatto a indigerirmi il 23 sera, preferisco non parlarne. )

da oggi in poi, solo brillanti contributi natalizi, uno al giorno. partiamo con un grande classico spagnolo. il torrone El Almendro. uno dei capisaldi del Barillismo Ispanico. ogni anno uguale, ogni anno lucciconi e commozione.  “Torna a casa per Natale”, “Vuelve a casa por Navidad”

(ah, il telecinema anni 80 coi rossi sparati per dare calore. LOL.)

Share Button

4 Comments

  1. Nell’ordine A-D-O-R-O:
    – la signora del primo video che si accende la sigaretta e tossisce come una pazza.
    – il signore che lancia il pennello alla ca**o all’arrivo della figlia.
    – l’anniottantismo della famigliola riccozza del marinaretto, mamma sciolta come un’asse da stiro compresa.
    – la cancellazione radicale delle famiglie dall’ultimo spot. Un’ecatombe (e un notevole risparmio sul filmato).

  2. @Emanuela, vedo che lei ha carpito lo spirito del video. è bellissimo, purtroppo non sono riuscita a trovare la versione col cane col cappellino da babbo natale, che sarebbe stata la chicca totale, ma anche così rende l’idea. VUEEEELVEEEEE, A CASA VUELVEEEEE POR NAVIDAAAAAD.

  3. Ma scusa, il torrone che sembra di formaggio, la nonna costretta a fumare il sigaro, la camiciona bianca inamidata con il collettone a punta, il maglione blu del 1976 con sopra i cristalli di ghiaccio, ma che storia è questa?! 😀

    Perché i protagonisti sono tutti emigrati?

Rispondi a Emanuela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.