e come un supereroe, di notte è fatakarabina e di giorno una grigia stagista tipo clark kent solo che con più tette e senza occhiali (ma ancora per poco), trascino il resto della mia esistenza digitale, indecisa.

Se Telefonando.

Inauguriamo la giornata con la canzone che non mi ha fatto dormire.

Sì, va bene, blogger è comodo, ma io non sono questa qua.

Intanto spaventose crisi esistenziali che nemmeno un criceto libero per la prima volta, mi chiedo se il mondo è pronto alla mia epifania, o viceversa, probabilmente viceversa, e probabilmente no.

e siccome ieri sera avevo pensato una cosa troppo cisti da scrivere ma me la sono dimenticata, non scrivo niente. (cite)

buongiorno.

si spera.

mi basta anche solo giorno, la speranza di non affondare nelle tenebre.

ma non ho capito, sto migliorando adottando lo stile stringato/essential del blog-spot o no?

annuso la risposta e non mi piace.

la nuova favolosa settimana delle somme tirate.

se ieri ho messo un punto sulla tesi, ridendo in faccia a chi mi predestinava un futuro eterno di fogli che volano via, si sappia anche che mi mancano ancora due abstract da redarre. sai cosa, il download di dottoressa.swf si sta completando ^_^

e il resto?

aspettiamo allegramente una settimana calda, torrida, con le braccia spalancate e, speriamo, le ascelle presentabili.

:O

a volte capisco perché i pubblicitari sono cocainomani.

LOL

ho le lacrime agli occhi, non so se perché quanto sopra fa ridere davvero, o solo perché sono esaurita all’ultimo stadio.

non devo mai più portarmi il portatile in ufficio.

lavorare sulla tesi e sul lavoro assieme è stata un’esperienza mistica.

soprattutto mentre ballavano tutti qui dentro al ritmo di un’oscura canzone anni ’80 che parla di macchine intitolata “turbo diesel”.

serve un negroni.

la giornata del correlatore

che poi è iniziata ieri, solo che non si sa nemmeno il sesso, di questa evanescente figura.

I mean, che è un/una docente appena arrivato/a in facoltà, e nessuno sa il nome, la stanza, l’orario in cui riceve.

bene, bene.

fino ad ora tutto ottimamente, direi.

“ma che è, l’università dei puffi?”

pressappoco.

brief -> debrief o feedback?

headline -> subhead o baseline?

il fucsia non è un colore food.

lamentele.

un deciso complimento, innanzitutto, a digiland, che non permette di aggiornare i siti se non si è connessi con libero, infostrada and so on.

continuate così, ragazzi, è così che funziona la rete. apertura e interconnessione riconfigurabile e fluida.

machitammuort.

dopodiché, constatazione sul mondo che segue i miei istinti, in una sintonia che ha del poeticommovente.

l’unico giorno dopo due settimane di stage, che decido di mettermi le infradito, god ha deciso di far piovere.

grazie, god.

io:”certo che i joy division hanno dimostrato un buon tasso di ironia dandosi questo nome…”

p.:”sicuramente meglio dei tears for fears.”

devofarlodevofarlodevofarlodevofarlo.nooooo!nonlofareeee!…

/post-adolescenza mode: on/

I’ve waited hours for this

I’ve made myself so sick

I wish I’d stayed asleep today

I never thought this day would end

I never thought tonight could ever be

this close to me

just try to see in the dark

just try to make it work

to feel the fear before you’re here

I make the shapes come much too close

I pull my eyes out

hold my breath

and wait until I shake

but if I had your faith

then I could make it safe and clean

if only I was sure

that my head on the door was just a dream

I’ve waited hours for this

I’ve made myself so sick

I wish I’d stayed asleep today

I never thought this day would end

I never thought tonight could ever be

this close to me

but if I had your face

I could make it safe and clean

if only I was sure

that my head on the door

was a dream

/post-adolescenza mode: off/