Due parole sul diritto al bacon

Eventualmente qualcuno avesse voglia di informarsi, invece di condividere le cagate di Repubblica e altri luminari del settore alimentazione che al posto di notizie e studi pubblicano slogan cretini, ecco alcuni suggerimenti.
Libri:
Pollan, leggetevi tutto, cominciate con “Il dilemma dell’onnivoro”.
Schlosser, “Fast food nation”.
Moss, “Salt Sugar Fat”.
Bressanini, “Pane e bugie”.
Documentari:
“Fed Up”
“Food Inc.”
Ho un quoziente intellettivo nella media, mangio carne e cibo spazzatura abbastanza regolarmente e sono stata capace di informarmi senza andare nel panico temendo che il mio sacro diritto alla salsiccia mi venisse tolto. Ho anche letto “Se niente importa” di Safran Foer senza diventare vegetariana, pensate un po’! (Ma non ve lo consiglio perché non ci deve essere neanche l’ombra del sospetto che qui si stia parlando di veg o non veg, e per lo stesso motivo non vi consiglio il documentario “Fork over knives”.) Daje, potete farcela anche voi. Oppure potete continuare a pensare che “mangiare” sia ancora un atto naturale, nel 2015, e che non sottintenda alcuna scelta, e non necessiti di informazione o consapevolezza. In fondo una cosa che si fa quattro volte al giorno tutti i giorni per tutta la vita che importanza vuoi che abbia.
Distinti Salumi.

(originariamente postato su FB)

Share Button

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *